Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Ti risponderemo quanto prima.

Compila il form

o se preferisci contattaci al numero
(+39) 0924 1863902

La rinascita di Baglio Santa Lucia

Condividi

Quella del Baglio Santa Lucia è la storia di un luogo che rinasce, che ritorna a vita nuova per dare spazio a qualcosa di unico nel panorama locale. La struttura ha origini antichissime e – secondo fonti storiche – appartenne alla nobile famiglia germanica dei Murigi, venuta in Sicilia con la dinastia sveva.

Il complesso architettonico ha le peculiari caratteristiche dei tradizionali bagli diffusi nel trapanese. I suoi ampi spazi interni insieme alla corte d’accesso e al terrazzo sul retro, hanno fatto di esso una dimora estiva di grande pregio e di inestimabile bellezza. Caratteristiche che oggi possiamo ancora percepire ma in chiave completamente nuova.

 La riqualificazione

La conformazione architettonica del complesso e l’interesse sempre crescente per location rustiche da destinare agli eventi, sono stati elementi decisivi nell’avviare il progetto di riqualificazione per Baglio Santa Lucia. Così, dopo averne stabilito la destinazione d’uso, è stato predisposto un progetto di restauro dell’intero complesso architettonico. Un intervento che avrebbe fatto riemergere la bellezza velata da anni di abbandono e incurie, rifunzionalizzando la sua dimensione spaziale.

Da dimora storica a sala ricevimenti

 Gli interventi di restauro hanno appositamente mantenuto l’originario assetto architettonico, proteggendone le scelte stilistiche e conferendo agli ambienti interni ed esterni un nuovo ordine. Tutto è stato progettato e allestito per rendere il baglio un luogo caldo, accogliente e in perfetta linea con la nuova declinazione d’uso.

Oggi, Baglio Santa Lucia è lo spazio ideale dove ricevere varie tipologie di eventi fra cui i matrimoni. Il suo essere raccolto e immerso nella mediterranea flora siciliana, lo rende romantico e ricco di fascino. Un luogo, insomma, ideale per raccontare le gioie di una festa tutta da condividere.

Lascia un commento